Le diete più strane e nocive da non fare, le mode più pericolose

Le diete sono come i funghi, ne nascono a bizzeffe continuamente, soprattutto in prossimità dell’estate, e spesso non ci si informa debitamente, prima di seguirle, per l’ansia e l’impazienza di togliersi di dosso quei fastidiosi chili di troppo. Eppure, bisognerebbe sempre consultare il proprio medico, essendo ognuno di noi diverso nelle funzioni organiche e metaboliche, anche per la presenza di piccoli o significativi problemi di salute.

C’è da dire, che solo un nutrizionista (dietologo), può strutturare una dieta adatta a noi, in tutti i suoi aspetti, specialmente se si deve perdere molto peso, tuttavia per qualche chiletto in più si può procedere da soli, sempre però in tempi brevi, e prediligendo diete che insieme al dimagrimento assicurano un effetto disintossicante, che abbiano elementi nutrizionali di base e che non vadano a rallentare il metabolismo, in quanto una volta terminate, i chili saranno ripresi in un batter d’occhio. Per mantenere un metabolismo attivo bisogna fare attività fisica, nel contempo, e bere molta acqua.

Tra le diete più strane e tendenzialmente pericolose possiamo elencarne alcune, che pur essendo diventate molto celebri (solitamente partono dai vip e le star che ne fanno una moda), hanno un effetto nullo, a lungo andare: quando si cessa, infatti, si riprendono i chili immediatamente. Parliamo in questo caso della dieta dell’omogenizzato, seguitissima dalle star, che prevede di nutrirsi per qualche settimana di soli omogeneizzati, dato che ogni confezione contiene al max 150 calorie. Sconsigliatissima perché non apporta i nutrizionali necessari per un adulto, e in più fa riprendere tutti i chili persi, se si ricomincia a nutrirsi normalmente, anche in maniera limitata.

Un’altra è la dieta del sonno, in base alla quale c’è chi cerca di dormire il più possibile, sia di notte che di giorno, per evitare di bere e mangiare, anche utilizzando farmaci ed arrivando ad abusarne. Questo perché, chi dorme poco è più soggetto ad ingrassare e alle malattie metaboliche, ma nel caso opposto si perde la cognizione della realtà, con il rischio di disidratarsi, di svegliarsi deboli e storditi, o peggio ancora di non svegliarsi affatto.

Una dieta stranissima e seriamente disgustosa, è poi quella della tenia (il cosiddetto verme solitario), ovvero ingerendo questo parassita sotto forma di larva o uova che, nello stomaco, va a digerire tutto quello che mangiamo al posto nostro. Ma, la tenia non è facile da eliminare, una volta raggiunto il peso forma, anzi può riprodursi ed aggredire il sistema nervoso, causando danni gravi e malattie come la meningite.

Una novità americana è invece la dieta del dolore, che consiste nell’impiantarsi chirurgicamente una toppa sulla lingua, un patch che provoca dolore ogni volta che si cerca di ingerire del cibo solido. In pratica si tratta di seguire una dieta liquida, riuscendo a perdere fino a 15 kg in un mese, ma alla fine non è sicura al 100% perché si arriva ad imbottirsi di bevande zuccherate o gassate, portando uno scompenso nutrizionale ed un eccesso di zuccheri, quindi è peggio che seguire una dieta normale.

Poi abbiamo la dieta del crudo, ossia mangiare tutto crudo e freddo, anche pesce o carne, per non alterare i nutrizionali con la cottura e attivare il metabolismo con gli alimenti freddi, ma si ricorda che la carne cruda è piena di parassiti e alcune verdure non cotte possono essere tossiche e velenose. Oppure c’è la dieta del cotone, che consiste nell’ingerire batuffoli di ovatta imbevuti di succo di limone o arancia per ridurre il senso della fame: divulgata dalle modelle è invece estremamente pericolosa, soprattutto perché nel cotone idrofilo sono presenti anche sostanze sintetiche, e si corre il rischio di ostruire lo stomaco.

Infine c’è la dieta della sigaretta, per il suo potere di limitare la fame (qui è inutile elencare i rischi per la salute), oppure quella del Breatharianismo, una disciplina orientale che consiste nel fare meditazione senza mangiare nulla, insomma nutrendosi solo di aria e luce, senza neanche assumere liquidi. In conclusione, più che portare al peso forma molte di queste diete possono portare alla morte, quindi fate estrema attenzione a quello che scegliete di fare: 3 o 4 kg in meno, non valgono sicuramente la vostra vita.

I 30 migliori esercizi addominali per la prova costume
Dieta del riso: depurativa, dimagrante e proteica

Crediti » Video inseriti (di proprietà dei canali corrispondenti): YouTube ○ Testi originali: Fitness Fun©

Link Utili:

loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto da Copyright

NUOVA NORMATIVA GDPR - Per mantenere le complete funzionalità del nostro sito devi accettare l'uso dei Cookie. In questo modo, potremo darti un'esperienza migliore di navigazione. PRIMA DI ACCETTARE LEGGI DETTAGLI

Oltre ai Cookie tecnici necessari per un regolare funzionamento del sito, Fitness Fun utilizza Cookie aggiuntivi per personalizzare la navigazione dell'Utente, in merito alla gestione delle statistiche, del traffico, dei social media, dei video e degli annunci promozionali. Questi Cookie sono preventivamente disabilitati di default, puoi scegliere tu stesso se abilitarli o meno, dando il tuo esplicito consenso. In alcun modo i dati inseriti (ad es. e-mail per iscrizione al blog o nella sezione commenti) verranno usati per diverse finalità né condivisi con terze parti: il nostro interesse è la sicurezza della tua privacy. Accetti l'uso dei Cookie e i termini e le condizioni della nostra PRIVACY POLICY? Cliccando su "Accetto" dichiari di aver letto e accettato, dando il permesso per l'utilizzo di Cookie non tecnici e dunque non strettamente necessari. La durata di accettazione dei Cookie è di 3 mesi, con la possibilità di revocarla in qualsiasi momento attraverso il pulsante in alto nella sidebar del sito (alla fine della pagina per cellulari o tablet). Se non accetti, potrai comunque continuare con la navigazione ma la visualizzazione delle pagine sarà limitata. In ottemperanza e conformità al Regolamento UE n. 2016/679 (GDPR).

Chiudi